29 Luglio 2024 - Ore 21:15

mancano
Giorni
Ore
Minuti
Secondi
Concerto già tenuto

Clarinetto, Archi e Pianoforte

Zephir International Chamber Music Festival

J. S. Bach (1685-1750)

Sonata per violino la minore, BWV 1003
Grave

W. A. Mozart (1756-1791)

Trio per Clarinetto, viola e violoncello “ Kegelstatt” K. 498
Andante, Minuetto, Rondeaux: Allegretto

A. Dvořák (1841 – 1904)

Quintetto per pianoforte la maggiore, op. 81
Allegro, ma non tanto
Dumka: Andante con moto
Scherzo: Molto vivace
Finale: Allegro

Biografia

Zephir
Zephyr International Chamber Music Festival

La missione dello Zephyr International Chamber Music Festival è quella di fornire ai giovani musicisti e al pubblico un'esperienza intensa di musica da camera di altissimo livello.
Il festival Zephyr, della durata di 16 giorni, è progettato per offrire a un gruppo ristretto e selezionato di partecipanti di grande talento l’opportunità di provare, insegnare ed esibirsi in luoghi nel nord Italia, con due sedi principali, Frabosa e Moneglia. In questo ambiente fertile i partecipanti vengono aiutati a raggiungere nuovi standard di eccellenza, approfondimenti sulla musica, tecniche di esecuzione e un profondo apprezzamento della cultura regionale italiana.

 

I DOCENTI

 

Theodore Buchholz, violoncello
Theodore Buchholz è professore di violoncello e direttore degli archi presso l'Università dell'Arizona. Descritto dai critici dei giornali come un "violoncellista virtuoso" con un "suono caldo e bello", si è esibito in luoghi importanti, dal Lincoln Center di New York alle sale internazionali in Italia e Tokyo. L'album di Buchholz Afterglow contiene l'opera completa di Henry Hadley per violoncello e pianoforte e ha ricevuto l'ambita valutazione a cinque stelle dalla rivista Fanfare Magazine. La sua registrazione della Sonata per violoncello di Hans Winterberg è stata pubblicata sotto l'etichetta Toccata nel 2018, ed è membro dei True Concord, la cui registrazione su CD ha vinto un Grammy Award 2016. In qualità di ricercatore riconosciuto a livello nazionale, il Dr. Buchholz è stato redattore del Forum sul violoncello per American String Teacher.Fervente sostenitore del potere dell'educazione musicale nel trasformare la vita, è il direttore dello String Project dell'Università dell'Arizona. Durante l'estate si esibisce e insegna al Killington Music Festival nel Vermont e allo Zephyr Music Festival a Courmayeur, in Italia. Theodore Buchholz è il destinatario del Taubeneck Superior Teaching Award e ha ricevuto il Charles and Irene Putnam Award, il più prestigioso riconoscimento di eccellenza nell'insegnamento del College. Il dottor Buchholz ha studiato con Bonnie Hampton, Sadao Harada e Nathaniel Rosen.

 

Federico Carraro, viola
Classe 1990, avviato agli studi musicali da S. Zabinski a 7 anni e diplomatosi in violino sotto la guida di S. Tchakerian e G. Stevanato, inizia gli studi di viola sotto la guida di G. Petrella per proseguirli al Conservatorio A. Steffani di Castelfranco Veneto con L. Volpato, dove consegue il Diploma di Secondo Livello con il massimo dei voti e la lode con una tesi su W. Primrose. Segue i corsi di perfezionamento di S. Braconi, M. Zemtsov, S. Briatore e D. Rossi, del Verdi-Quartett di Colonia per la musica da camera, e si perfeziona con B. Giuranna all’Accademia W. Stauffer di Cremona, con H. Kobayashi presso la Musikhochschule di Mannheim e con T. Rössel (già prima viola della Gewandhausorchester Leipzig e Bayreuther Festspielsorchester) alla Musikhochschuledi Francoforte. Studia inoltre per un breve periodo composizione al Conservatorio C. Pollini di Padova con G. Bonato. E' stato premiato in diversi concorsi internazionali tra i quali spicca il Premio Virtuosité al Concorso Città di Padova.
Debutta come solista a 21 anni con l'Orchestra del Gran Teatro La Fenice di Venezia (Sonata per la Grand’ Viola di N. Paganini) e con l'Orchestra I Musici di Parma (Concerto op.1 di K. Stamitz). Nel 2013 suona la Sinfonia Concertante di W. Mozart con A. Cappelletto, nel 2019 suona il Divertimento di A. Rolla con i Musici di Parma sotto la direzione di S. Braconi. E’ docente ospite del ViolaFest 2023 a Bolzano, organizzato dall’Associazione Italiana della Viola, e tiene regolarmente masterclass per diversi enti musicali italiani.
Collabora come prima viola con orchestre quali Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra del Gran Teatro La Fenice di Venezia, Orchestra dell’Arenadi Verona, Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova, Pomeriggi Musicali di Milano, Orchestra di Padova e del Veneto e come viola di fila in numerose orchestre tra le quali l' Orchestra del Teatro Regio di Torino, la Deutsche Kammerphilharmonie Bremen, la Frankfurter Opern- und Museumsorchester, l'Orchestra Internazionale di Italia e l'Orchestra dell'Accademia di S. Cecilia; la sua formazione avviene tuttavia principalmente presso le più prestigiose orchestre giovanili quali l'Orchestra Giovanile Europea (EUYO), la Verbier Festival Orchestra (anche come prima viola) e la Gustav Mahler Jugendorchester, suonando con direttori del calibro di V. Ashkenazy, H. Blomstedt, C. Dutoit, I. Fischer, D. Gatti, V. Gergiev, D. Harding, M. Honeck, P. Järvi, F. Luisi, Z. Mehta, R. Muti, G. Noseda, A. Pappano, E. P. Salonen, Y. Temirkanov, M. Tilson Thomas, J. van Zweden etc., e solisti quali M. Argerich, R. Capuçon, I. Faust, D. Garrett, D. Hope, V. Mullova, M. Pletnev, D. Trifonov, F.P. Zimmermann, T. Zimmermann etc., esibendosi in sale quali Salle Pleyel di Parigi, Palau de la Musica Catalana di Barcellona, KKLdi Lucerna, Sala Filarmonica di Varsavia, Royal Concertgebouw di Amsterdam, Teatro Colòn di Buenos Aires, Elbphilharmonie di Amburgo, Tokyo Opera Hall, Royal Albert Hall di Londra etc.
Il suo grande interesse per la musica contemporanea lo ha portato inoltre a esibirsi negli Stati Uniti al Bang on a Can Summer Festival, sotto la direzione di B. Lubman, e numerose volte al Lucerne Festival con la Lucerne Festival Academy Orchestra, spesso come prima viola, suonando sotto la direzione di P. Boulez, P. Eotvos, D. Robertson, S. Rattle e solisti quali B. Hannigan e P. Kopatchinskaja, e collaborando a stretto contatto con i membri dell'Ensemble Intercontemporain di Parigi. Nel 2021 è ospite al Lucerne Festival come violista-performer nella pièce musicale Monna Violina in duo con E. Savini. Numerosi compositori gli hanno dedicato dei lavori, in particolare il compositore A. Schiavo (vincitore tra gli altri del Premio Nazionale delle Arti e premiato al Concorso Paderewski e al Concorso Queen Elisabeth di Bruxelles) gli ha dedicato la sua Prelodia II (2010) per viola sola.
Nel 2018, per decisione della commissione presieduta da Gianandrea Noseda, è primo idoneo al concorso internazionale per viola di fila nell'Orchestra del Teatro Regio di Torino, ove lavora tuttora come membro stabile.

 

Lucia Margherita Marino, clarinetto
Lucia ha conseguito la laurea con lode nel 2002 presso il Conservatorio di Cuneo. Successivamente ha frequentato l’Accademia Superiore G.B. Pergolesi” (Biella) e si è esibita con l'Orchestra Giovanile del Teatro alla Scala di Milano, l'Orchestra Ladies di Sofia, l'Orchestra di Lublino, lo Zephyr Music Festival (S.Francisco-California), la Mannheimer Chamber Orchestra, la Filarmonica del Teatro Regio, l'Arena di Verona, Orchestra Internazionale d'Italia; ha suonato in Francia, Spagna, Svizzera, Austria, Germania, Cina, Malesia, Tailandia. Dal 2002 ad oggi si è esibita con l'Orchestra Filarmonica di Torino sia nella stagione sinfonica, in tournée nazionali ed internazionali (Francia, Spagna, Svizzera, Austria, Germania…) che in ambito discografico. A Torino, sua città natale, ha suonato per “Piemonte in Musica”, “Settembre Musica”, MITO, “Unione Musicale” e Antidogma Musica (Ensemble di Musica Contemporanea). Dal 2011 è stata regolarmente invitata alla Catholic University of America e al Washington International Piano Festival. Sempre nel 2007 Lucia ha conseguito la seconda laurea con il massimo dei voti e la lode presso il DAMS dell'Università di Torino e ha collaborato anche con la Fondazione Torino Teatro, Musica Practica e la Casa Editrice Bruno Mondadori. Nel 2012 Lucia Marino ha conseguito il secondo Dottorato in Clarinetto con il massimo dei voti e la lode.Nel 2015 fonda ESTEMPORANEA – Arte, Musica, Teatro. È direttrice artistica della Stagione SCENA 1312 (Bardonecchia), del Festival CONTAMINAZIONI e dei Corsi Avanzati (Frabosa Soprana). È inoltre autrice e produttrice di spettacoli musicali: Ti presento Carmen... , Rossini e il Barbiere, Cafè Express, La Razon de mi Vida – Il diario di Evita Perón, Tra le righe del Flauto Magico, Omaggio a Gershwin, Fantastiche: storie di donne ordinarie e straordinarie, Il salotto degli Strauss,…

 

Mack McCray, pianoforte
Mack McCray ha ricevuto il suo B.M. e M.S. dalla Juilliard School, dove ha studiato con Irwin Freundlich. Ha vinto la medaglia d'argento al Concorso Internazionale George Enesco, il primo premio ai concorsi Charleston Symphony e San Francisco Young Artists, l'Edward Steuermann Memorial Prize della Juilliard e una borsa di studio della Martha Baird Rockefeller Foundation, tutto in una stagione (1969-1970). . È stato invitato come artista ospite al Festival d'Automne di Parigi, al Ciclo dei Grandi Interpreti di Siviglia, al Festival degli Artisti Internazionali dell'UNESCO a Monte Carlo, al Festival Bach/Beethoven/Brahms della Filarmonica di Bucarest e alla City Hall Series di Hong Kong. Si è esibito sotto la direzione di direttori come Michael Tilson Thomas, Edo de Waart, Josef Krips, Leon Fleisher e Arthur Fiedler. Nel 1991, ha eseguito la prima americana di Eros Piano di John Adams. Recentemente si è esibito con la Japan Philharmonic alla Suntory Hall, Tokyo, allo Shanghai International Beethoven Festival e alla Trinity Church Concert Series a Manhattan. Mack McCray è direttore artistico dello Zephyr International Chamber Music Festival, che si tiene ogni anno a Courmayeur, in Italia, e dal 1971 al 2015 ha insegnato al Conservatorio di Musica di San Francisco.

 

Luciano Meola, clarinetto
Diplomato con il massimo dei voti al Conservatorio “G.Verdi” di Torino sotto la guida del M° Sergio Delmastro, ha subito vinto numerosi concorsi di musica da camera. Dal 1990 è clarinetto solista del New Art Ensemble, gruppo da camera che tuttora collabora stabilmente con il pianista Bruno Canino. Con questa formazione ha eseguito più di cento concerti in tutta Italia ed ha realizzato due registrazioni per la Polygram. Ha collaborato con il Teatro Alla Scala di Milano, dal 2002 al 2008 ha ricoperto il ruolo di Primo Clarinetto presso l'Orchestra Sinfonica della Valle d'Aosta, registrando numerosi CD con solisti di fama internazionale. La collaborazione con il Teatro Regio di Torino inizia nel 1994. Dal 2008 ricopre stabilmente il ruolo di secondo clarinetto, clarinetto piccolo e corno di bassetto, affrontando l'intero repertorio per questi strumenti affini sia in ambito sinfonico che operistico sotto la direzione di Noseda, Gergiev, Bickov, Steinberg, Sado, Janowski, Abbado , Renzetti e ha effettuato tournée in America, Cina, Giappone, Medio Oriente ed Europa. Docente nei Corsi di Perfezionamento Musicale di Frabosa Soprana e Prea (CN), nei corsi “Cluster” (Aosta), come assistente di F. Meloni (Aosta) e presso il Conservatorio di Torino. Suona i clarinetti di Luis Rossi.

 

Brendan Shea, violino
Brendan Shea è un pluripremiato violinista e musicista da camera. I suoi premi di musica da camera sono stati vinti quando ha suonato con il Wasmuth Quartet e includono la medaglia di bronzo all'Osaka International Chamber Music Competition, la medaglia d'oro e il premio del pubblico al Chesapeake International Chamber Music Competition e il Gran Premio al Coleman Chamber Music Competition. Come membro fondatore del Wasmuth (ora Verona) Quartetto, si è esibito negli Stati Uniti, in Germania e in Giappone. Brendan si è esibito con molti ensemble e artisti di livello mondiale. Come solista si è esibito con orchestre a Washington D.C, Bruxelles, Sendai, Indianapolis e South Bend. Il suo pluripremiato duo, lo Shea-Kim Duo, ha gareggiato a livello internazionale e si è esibito in recital in Asia, Europa e Nord America. I loro premi includono l'Ackerman Chamber Music Award e la medaglia d'oro al Manhattan International Music Competition. Il loro secondo CD, The Sound and the Fury, è stato pubblicato dalla Blue Griffin Records nel novembre del 2021. Ha presentato in anteprima Night, Death, and Devil di Frederic Rzewski con l'ottavo Blackbird vincitore dell'Emmy Award. È stato finalista e semifinalista al Queen Elisabeth, Isang-Yun, Seoul, Sibelius e Carl Nielsen, e ha ottenuto il primo posto con lode al Concorso Internazionale Glazunov di Parigi. Oltre alla sua carriera da attore, Brendan è anche un ricercato insegnante di violino e musicista da camera. È stato professore ospite di violino al Conservatorio di Oberlin e alla Mahanaim School di New York. Ha insegnato per cinque anni alla Indiana University, South Bend, dove è stato violinista con l'Euclid Quartet. È stato professore in visita di violino per due anni presso l'Università di Notre Dame. Ha tenuto masterclass negli Stati Uniti in molte università diverse, come la Michigian State University, la Central Washington University, la Texas A&M Corpus Christi e l'Università del Nebraska. Continua a insegnare e ad esibirsi in numerosi prestigiosi festival estivi, tra cui l'Encore Chamber Music Festival e l'Alaska Chamber Music Festival. Nel 2017 ha fondato l'orchestra da camera estiva intensiva presso l'Indiana University South Bend ed è cofondatore di Chamber Music in the Bend con Yerin Kim. È molto entusiasta di unirsi alla Boise Philharmonic come nuovo primo violino e al College of Idaho come Langroise Trio Artist in Residence. Brendan ha conseguito la laurea presso: Oberlin (Bachelor of Music and Artist Diploma); Università dell'Indiana a Bloomington (Master in Musica); Stony Brook University (Dottore in Arti Musicali). Attualmente suona un violino realizzato per lui nel 2021 da Sam Zygmuntowicz. Brendan Shea vive attualmente nell'area di Seattle. Per ulteriori informazioni e video visita Brendansheaviolin.com e Shea-kimduo.com.

 

Yerin Kim, pianoforte
Elogiata dall'International Piano Magazine come “pianista di bella finezza e timbro dorato”, e “potente e coinvolgente, poetico ed espressivo con alcune intuizioni interpretative davvero originali, il tutto eseguito con una grande tecnica” da Phoenix Classical, la pianista Yerin Kim ha tenuto concerti in vari festival e recital nelle principali sedi a livello internazionale, tra cui il Kennedy Center di Washington D.C., la Carnegie Hall di New York e Place Flagey a Bruxelles. Il suo album di debutto da solista "First and Last Words" può essere ascoltato su Sheva Label e il suo album in duo "The Sound and the Fury" con il violinista Brendan Shea per la Blue Griffin Records. Il suo duo è gestito dalla Parker Artist Management ed è stato elogiato da String Magazine poiché "la musica nel complesso si presenta come qualcosa di più che semplici note, più simile alla vita reale", "...crea un'atmosfera ricca e intima, mentre navigano nel brividi e sversamenti” dal BBC Music Magazine e dal Calgary Herald come “performance vivace, esuberante e pungentemente accentuata”. Kim è anche appassionata di sensibilizzazione e educazione ed è la fondatrice e direttrice della serie di concerti Sensory Friendly Music and Autism, co-direttrice artistica di Chamber Music in the Bend, nonché del Pianofest alla CWU e della serie di concerti Music & Autism. Kim si è trasferita nel Pacifico nordoccidentale nel 2020 quando è entrata alla Central Washington University come nuova professoressa di pianoforte. Attualmente è a capo dell’area Tastiere e dirige le performance pianistiche, la pedagogia pianistica e i programmi di pianoforte collaborativo della CWU. Prima della CWU, ha insegnato all'Università di Notre Dame come professore assistente aggiunto e ha insegnato in programmi pre-universitari presso l'Indiana University Bloomington e la Stony Brook University. Kim ha conseguito una doppia laurea in performance pianistica e psicologia presso l'Oberlin College, un MM presso l'Indiana University Bloomington e un DMA presso la Stony Brook University.

 

Ning Zhou, pianoforte
Salutato da Olin Chism del Fort Worth Star-Telegram come "una persona altamente musicale, un maestro non solo della tecnica ma dell'interpretazione" e da Lyn Bronson di Peninsula Reviews come dotato di "un magistrale controllo tecnico che gli ha permesso di andare ben oltre le sfide tecniche". e rivelare la bellezza essenziale e il significato di ogni opera da lui eseguita", il pianista NING ZHOU è stato vincitore di numerosi concorsi pianistici internazionali. Originario della Cina, ora residente in Texas, ha partecipato al Concorso pianistico Van Cliburn di Fort Worth nel 2009, al Concorso Chopin di Varsavia nel 2015 ed è stato semifinalista al Concorso pianistico Queen Elisabeth di Bruxelles nel 2015, oltre a vittorie in diverse competizioni mentre viveva in Cina. Appassionato musicista da camera, Ning Zhou ha vinto il primo premio al 3° Coltman Chamber Music Competition di Austin, Texas, ed è stato invitato ad esibirsi allo Zephyr International Chamber Music Festival 2014 a Courmayeur, in Italia, e al Decoda Chamber Music Institute nel 2016. Ning ha conseguito un master al Conservatorio di Shanghai e al Conservatorio di San Francisco, nonché un certificato di artista in musica da camera, mentre studia con Mack McCray e Sharon Mann, sempre al Conservatorio di San Francisco. Attualmente sta conseguendo il suo diploma DMA come Teaching Fellow presso l'UNT College of Music, sotto la direzione della Dott.ssa Pamela Mia Paul. È entrato a far parte della facoltà di pianoforte del Conservatorio di musica di Zhejiang nel 2020 ed è l'ingegnere del suono e artista ufficiale di KNS Classic.